please ask the permission before using vita picta's pictures . riproduzione riservata

giovedì 23 maggio 2019

Matteo Bosco . La Pietra e' Tempo allo Stato Solido

MatteoBosco@GalleriaFumagalli2019


Conosco lo scultore Matteo Bosco alla sua personale nello Spazio Antonini, dinastia di gioiellieri milanesi oggi rappresentati dal brillante Sergio Antonini. L'artista mi confessa di essere cresciuto, fin da bambino, con un'opera di mio padre Petros appesa in casa sua ed è per me un'emozione ,sentire oggi che mio papa' non c'e' piu', il modo lieve in cui Matteo descive l'opera:"di verdi e d'azzurri, piena di pupille che ti guardano". Cosi, nel miracolo dell'Arte, nasce il nostro primo incontro. E' la Galleria Fumagalli a raccontarci il sodalizio con l'artista, le cui creazioni, poche settimane prima, abbiamo avuto modo di vedere al Miart. "Io abito la pietra" dice Bosco con tono grave, come se fosse questo il frutto di una chiamata a cui non non ha potuto che rispondere, attraveso il lento travaglio della creazione artistica.  E' una scultura dell'assenza quella di Bosco, dove le parole rimangono intrappolate nella materia, per disperdersi poi nell'etere in un' afonia carica di valenze introspettive. "La Pietra è Tempo allo stato solido" dice Matteo che è artista e filosofo. Tempo e Spazio sembrano giocare  con l'opera d'Arte, battagliando anche, come la luce, che su di essa si posa, rifrange, infine, nelle ombre della notte, vibra e scompare. Michela Papavassiliou       
Spazio Antonini
Palazzo Borromeo 
Milano