please ask the permission before using vita picta's pictures . riproduzione riservata

martedì 30 gennaio 2018

I Grafici Parametrici nel Giardino Botanico firmato da Javier Riera



JavierRiera@Vitapicta2018AllRightsReserved
JavierRiera@Vitapicta2018AllRightsReserved
Entriamo, grazie a We Collect Club con il fondatore e Ceo Enrique del Rio nell'atelier dell'artista spagnolo Javier Riera, contemporaneo alchimista di luci ed immagini oggi molto apprezzato a livello internazionale. Scenografiche le installazioni di recente esposte presso lo storico Giardino Botanico di Madrid in occasione del suo 262esimo anniversario di vita, con grande successo di pubblico e critica. Classe 1964 Riera utilizza fotografia e fasci luminosi per  creare opere di grande suggestione. Cosi  le sue proiezioni sagomate in geometriche strutture immaginarie si plasmano sul paesaggio e la vegetazione circostante. E' quello di Riera un Eden contemporaneo che sa incantare chi osserva. Natura e spirito si fondono nei suoi lavori dando vita ad immagini eteree che rifrangono a ripetizione tra reale virtuale, contingente e metafisico. L'artista racconta, sulla linea di precisi grafici parametrici, il pathos di uomo che sa vivere pienamente il suo tempo attraverso un linguaggio visivo universalmente riconoscibile e decifrabile. In esso vibra la dualita' tra elementi compositivi, razionalita' e sentimento, mondo figurativo ed astrazione, superficie e spazialita' seguendo l'eterno dualismo tra Ying e Yang forze opposte e complementari.                                                                                                                                Michela Papavassiliou      


JavierRiera@Vitapicta2018AllRightsReserved
JavierRiera@Vitapicta2018AllRightsReserved

Miart e Art Week dal 13 Aprile a Milano

Miart2018@VitapictaAllrightsreserved

Miart2018@VitapictaAllrightsreserved

Aprile 2018 avrà un appuntamento imperdibile per la città di Milano .E' alle porte l'apertura primaverile della nuova edizione MIART. Una ventata di proposte, in  uno dei momenti ormai di riferimento per il mondo dell'Arte Moderna e Contemporanea. Al taglio del nastro quest'anno, in sincrono, l'Art Week attraverso un avvincente percorso di mostre tutte da scoprire. Dalla Basilica di S. Eustorgio alla Fondazione Prada, dal Museo del Novecento alla Triennale, l'atmosfera cittadina sarà inebriata da un dinamismo di eventi alcuni dei quali certamente imperdibili. A Palazzo Marino ieri, dunque, in anteprima per la stampa, il programma, presentato dall'Assessore alla Cultura Filippo del Corno, dal direttore della Fiera di Milano Fabrizio Curci e da Alessandro Rabottini a capo del progetto Miart . Arte moderna, contemporanea e design di ricerca, 18 paesi stranieri partecipanti, 186  gallerie internazionali, banca Intesa S. Paolo come Main Sponsor, 100.000 eu per un fondo di acquisizioni, 7 premi, una notte dedicata al non profit e l'apertura straordinaria di domenica delle gallerie partecipanti, sono solo alcune delle novità in campo .  Si conferma la collaborazione con la Between Art Film quest'anno dedicata al tema dell' Immaginazione. Infine una campagna comunicazionale denominata Prisma,  che realizza una installazione video inversiva, in un gioco coreografico che riflette la realta' reinventandola. Da non mancare. Michela Papavassiliou


Miart2018@VitapictaAllrightsreserved

Miart2018@VitapictaAllrightsreserved

sabato 14 ottobre 2017

Chagall Virtuale alla Permanente di Milano

VitaPicta2017@AllRightsReserved
Si e' aperta ieri alla Permanente di Milano la mostra dedicata a Chagall. Sogno di una Notte  d'Estate. Un bagno di folla selezionata per questo Omaggio Virtuale al Maestro, dove l'opera pittorica viene proiettata su pareti giganti, tra colonne di specchi e palchi rigorosamente bianchi. Un percorso quindi emozionale,  che immerge il visitatore nelle opere universalmente conosciute di Chagall. Due sposi volanti lievitano sugli schermi e scompaiono per lasciare spazio a dettagli di altri dipinti e tratti disegnati che si compongono e gia' si dissolvono. In un'era come la nostra dove le nuove tecnologie hanno preso possesso delle nostre vite, l'arte pittorica di un nostro passato recente, viene riproposta attraverso il filtro della realta' parallela, che se da un lato ci e' cosi famigliare, dall'altro ci preclude al nostro modo usuale di guardare al dipinto nel silenzio di un museo. Oggi le strutture museali si rinnovano, diventano spazi dove incontrarsi , dove nutrirsi d'Arte, non necessariamente presente come concezione originale, ma anzi celebrata ed osannata nella sua assenza. C'e' da augurarsi che l'uomo non si faccia prendere troppo la mano da questa rivoluzione tecno-esistenziale, per non trovarsi ancora prima del 2024 narrato nella pellicola del nuovo Blade Runner oggi al cinema, alla condizione in cui un pezzo di albero intagliato dall'uomo o una tela dipinta vista dal vivo, diventino esperienza straordinaria, allo stesso modo che addentare un succoso pomodoro maturo cresciuto su di un terreno incontaminato. Da vedere. Michela Papavassiliou 
Museo della Permanente . Via Turati a Milano . Fino al 28 Gennaio
                         

VitaPicta2017@AllRightsReserved

sabato 16 settembre 2017

Wopart Lugano 2017 . Protagonista la Carta d'Artista


WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved
Video Intervista al Presidente di Wopart Lugano 2017 Giandomenico di Marzio:  https://youtu.be/A5xv-h3Kclk

WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved
Video Intervista all'Organizzatore  Luigi Belluzzi :  https://youtu.be/87-GSExqbR8

WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved

Si e' aperta con grande successo di pubblico e critica la Seconda Edizione di Wopart . Work on Paper Art Fair di Lugano. Progetto fortemente voluto dal Presidente Giandomenico di Marzio, critico curatore giornalista e dall'Organizzatore Paolo Manazza gia' pittore e giornalista specializzato in economia dell'arte, che hanno spiegato ai nostri microfoni la matrice di questa iniziativa. Un appuntamento dedicato all'Arte Antica Moderna e Contemporanea su Carta, che vede la Citta' di Lugano artefice di primo piano di una fiera votata a diventare sempre piu' di rilevanza internazionale. Quasi un centinaio le gallerie selezionate che espongono artisti di fama mondiale come Warhol Miro'Fontana o Bacon e giovani emergenti. Una occasione imperdibile per i collezionisti ed anche per gli appassionati alle prime armi, che possono conquistare a prezzi abbordabili, opere d'arte di qualita'.Da Vedere. Michela Papavassiliou                   Centro Esposizioni Centro Esposizioni Lugano fino al 17 Settembre  

Video Intervista al Dealer Thomas Bajoni:https://youtu.be/agYpPCsNta8


WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved
Video Intervista al Gallerista Bruno Grossetti:  https://youtu.be/lU8MhkXwMnA

WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved

Video Intervista al Gallerista Silvano Lodi :
https://youtu.be/DkqWsb1k1hc
WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved

Video Intervista Galleria Basilea: BTdepKrUQa4
WopartLugano2017@VitapictaAllRightsReserved


Video Intervista a Stefan de Egon :https://youtu.be/A7O9zWsO3KU 
Video Intervista a Lu Clemént:  https://youtu.be/UfVWkbvZdFA
Video Intervista al Gallerista PierGiorgio Fornello:  https://youtu.be/HTQPmxjvV_A
Video Intervista Galleria di Prato:  https://youtu.be/RfeEZN125aE
Video Intervista all'artista Ibrahim Leinart:https://youtu.be/A7O9zWsO3KU
Video Intervista al Fotografo Claudio Montecucco: https://youtu.be/ZMYEIUaWgHU


                               


giovedì 14 settembre 2017

Walter Leblanc e le Poetiche dell'Azzeramento a Milano

NuovaAvanguardiaEuropea@Vitapicta2017

Walter Leblanc e la Nuova Avanguardia Europea e' in scena fino al 21 ottobre presso la Cortesi Gallery di Milano. Un'imperdibile esposizione che partendo dal lavoro di Leblanc, artista belga ora in fase di grande riscoperta, fotografa un'epoca fondamentale per l'arte dei nostri tempi. La mostra a cura di Francesca Pola realizzata in collaborazione con la Fondation Walter&Nicole Leblanc, indaga quelle "poetiche dell'azzeramento" anni '50 strutturate su un'essenzialita' concettuale fatta di sperimentazione, analisi fenomenologiche e strutturali dell'immagine. Un'ondata di creativita' targata Zero che cresce tra Italia, Germania, Belgio e Svizzera, utilizzando materiali inconsueti in grado di sviluppare una interessante astrazione geometrica. Fontana , Bonalumi, Dorazio sono solo alcuni degli artisti.protagonisti. Metalli, specchi, plastiche, chiodi, tele sagomate che paiono elasticizzate, creano un'opera d'arte che si fa osservare quasi in modo magnetico, spronando chi ga a cercarne l'intrigante comprensione concettuale. Da vedere. Michela Papavassiliou


NuovaAvanguardiaEuropea@Vitapicta2017







lunedì 11 settembre 2017

L'Universo in Fotogrammi di Edoardo Winspeare . 74 esima Mostra Internazionale Cinematografica di Venezia

Edoardo Winspeare e Michela Papavassiliou

Video Intervista https://youtu.be/x_OZpa15MDg

Dalla 74a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, è presente nelle sale l'ultimo, atteso film, di Edoardo Winspeare La vita in comune. Incontro, in occasione della prima a Milano il regista sul palcoscenico del Cinema Arlecchino. E' questo un lavoro realizzato, come sua consuetudine, con attori quasi tutti non professionisti. Protagonista femminile la bella e brava moglie del regista Celeste Casciaro e il socio, amico storico di Winspeare, Guastavo Caputo nella parte del sindaco locale Filippo Pisanelli. In scena uno spaccato di quell'Italia ai margini, dimenticata, terra di devastazioni umane e sfregi di spazi naturali che prorompono, malgrado tutto, per la loro straordinaria bellezza. Una commedia contemporanea che, attraverso tratto ironico, sa raccontare con aria scanzonata e leggera una storia di debolezza umana, di abbandono, di riscatto. Una poesia in pellicola che mette in scena tutte le pecche di un paese, Disperata, ispirato alla Depressa salentina in cui Edoardo è cresciuto, in realtà metafora della condizione umana ma anche di un sistema politico vacillante e grottesco. Winspeare sa raccontare con naturalezza e determinazione quei microcosmi posti in terre di confine a luoghi dimenticati da Dio. L'ispirazione, come lui stesso dice, guarda a quel cinema anni '30 e '50 o ad una certa letteratura cult degli Stati Uniti del Sud il cui ritmo assomiglia tanto a quello delle sue amate terre dipingendo una certa identità rurale, la cui lettura diventa universale. Così una lumaca striscia lenta come le ore salentine, tra le rade foglie di un paesaggio arso da un sole immobile, in cui si muovono nullafacenti personaggi in qualche modo difettosi da bar hopperiani ,  ma artefici inaspettatamente della loro finale salvezza. Da vedere. MP 

giovedì 6 aprile 2017

Percezioni Chic Kitsch allo Spazio Antonio Marras per il Design Week 2017


Emozionanti installazioni e scenografie nello Spazio Antonio Marras allestito per il Design Week 2017. Un glicine in prodigiosa fioritura accoglie gli ospiti nel cortile-giardino bohemien milanese. All'interno un esercito di fluidi abiti illuminati sembrano lievitare dal terreno come fantasmi. Oggetti sapientemente assemblati creano un'originale atmosfera Chic, con note Kitsch,  in grado di regalare un effetto finale a sorpresa piacevole. In questo luogo si respira la fucina di una creativita' che sa raccontare il futuro attraverso un passato senza tempo. Da vedere. MP